Viviamo in un tempo in cui tutto è giustificabile, tuttavia la nostra coscienza sa distinguere il bene dal male. Senza alcun compromesso noi scegliamo il bene: la costruzione di un futuro migliore.

Il nostro impegno è creare fodere e tessuti made in Italy che siano sinonimo di eccellenza, sostenibilità e tracciabilità. L’attenzione al territorio, al contesto naturalistico e culturale nel quale siamo inseriti e la tutela del luogo di lavoro hanno da sempre guidato il nostro lavoro, mantenendo inalterata la determinazione e la ferma volontà di fare bene le cose belle, insieme con l’amore per l’innovazione.

La bellezza paesaggistica e naturalistica del territorio varesino fanno parte del nostro DNA, il rispetto per la storia e le tradizioni si fondono con la nostra storia. Tutelare il nostro ambiente è per noi la sfida più stimolante e ci impegniamo ogni giorno per la costruzione di un futuro migliore. Per questo tutto quello che produciamo è orgogliosamente made-in-Brunello: per noi significa valorizzare le persone e tramandare la cultura del tessere.

Sostenibilità per Brunello significa anche avere consapevolezza del proprio fabbisogno energetico. Abbiamo deciso di perseguire una policy orientata verso il risparmio energetico attraverso continui investimenti innovativi. Abbiamo convertito 12.000 mq di copertura del nostro edificio logistico in pannelli solari fotovoltaici capaci di produrre 1 milione kWh in 1 anno.

Ridurre lo spreco energetico è uno dei nostri obiettivi principali per ridurre le emissioni inquinanti eraggiungere le massime performance. La sostenibilità in Brunello è un impegno quotidiano che si concretizza nei numerosi interventi realizzati negli anni e che fanno parte dei nostri progetti per il futuro, tra cui: rinnovo costante del parco macchine, monitoraggi periodici agli impianti di distribuzione dell’aria compressa, nuovo reparto controllo qualità, trasformazione del sistema di illuminazione da neon a led.

Ogni anno produciamo una grande quantità di cascame tessile con scarse possibilità di riciclo e recupero, oltre ad alti costi di smaltimento. Per questo abbiamo deciso di partecipare al progetto europeo Life M3P – Material Match Making che ha come obiettivo la creazione di un database di materiali di scarto di aziende appartenenti a settori diversi, messi a disposizione di tutti per trovare la soluzione perfetta a ogni esigenza creativa e dare una seconda vita ai rifiuti industriali.

Con l’obiettivo di cercare soluzioni alternative per la gestione dei materiali residuali, è in corso anche una collaborazione con il Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano per la valorizzazione energetica degli scarti di produzione di tessuti artificiali.